Le Valentine di Micilab

Le Valentine di Micilab

I social vanno gestiti bene, con competenza, inventiva e programmazione (poi serve la capacità di analisi, il saper usare gli strumenti a disposizione, essere sempre informati e studiare, in continuazione)
Certo direte voi, grazie al ciufolo, portate acqua al vostro mulino, vero vi rispondiamo, ma il nostro mulino è anche il vostro. Vostro di chi ha una attività, una azienda, vende prodotti o servizi. A tutti voi serve che i social, quelli utili a voi, singolarmente, il vostro sito o blog, siano seguiti a modino, altrimenti non servono praticamente a nulla. Togliete pure il praticamente. E insomma vi abbiamo scritto una lettere che gronda amore. Insomma. Gronda.

Le vostre pagine facebook non sono discariche di link buttati lì a fare volume con la speranza che portino traffico al vostro sito. Non lo faranno.

Non vivono di solo banale real marketing, che usato bene può essere un mezzo potentissimo, scopiazzando Taffo è solo scopiazzando Taffo.

La Casa della Brugola di Vattelapesca forse non abbisogna di un profilo linkedin, o di un blog in cui non sa cosa scrivere e dove fa passare per suoi contenuti di altri su come si avvita al meglio un bullone, pure cosa utilissima. Né di meme tristi di qualcuno convinto che fargli dire per:”San Valentino regalale un trapano” sia divertente, oddio che poi forse lo è. O di un profilo instagram senza una idea che non qualche vite buttata lì.

Se volete fare ad esempio gli esperti di cucina, dovete saper cucinare, attrezzarvi con un set fotografico, fare belle foto, creare ricette originali o comunque non sempre le stesse, capire a quale pubblico vi rivolgete e rendere coinvolgente quello che fate. Dovete avere qualcosa da dire, da raccontare per emergere dal rumore di fondo. Siamo circondati da cucina, ricette, programmi di cucina. Distinguersi è davvero difficile.
Ci vuole una idea e una rigorosa organizzazione.

Se siete sempre il titolare della Casa della Brugola di Vattelapesca e vedete che il vostro concorrente, Bullomania, ha aperto un sito, non correte a aprirlo anche voi. Soprattutto se, credendovi lo Steve Jobs dei poveri, credete di sapere tutto e il sito ve lo fa vostro cugino per 50 euro, che lui se la capisce. Il vostro sito varrà 50 euro e sarà ottimizzato per 30. Oltretutto passato l’entusiasmo iniziale con buona probabilità languirà con tre foto e quattro articoletti. Valentino santo poi non voglia decidiate di aprire un e-commerce sempre con i famosi 50 euro. Risparmiateveli. Andate a cena, al cinema, al teatro. È meglio.

Oddio l’algoritmo di facebook, oddio i post sponsorizzati, oddio mi è calata la reach.
Oddio le mezze stagioni non esistono più. Tutte cose più o meno vere. Quindi?
Ci si rimbocca le maniche ragazzi miei. E soprattutto create uno spazio che sia vostro, il vostro sito, il vostro blog (non non sono proprio tutti morti)

“Mi hanno regalato tre mesi di social”. Ogni volta che sento una frase simile so che da qualche parte un copy scopre che no, gli unicorni non esistono. I social non sono, condivido quello che mi mandano, ah la foto è brutta ma tanto quella vogliono. Tre post al mese per 30 euro. Chedè prosciutto? Sono quattro post signora che faccio, lascio?
Idee, strategia, programmazione, studio del target, analisi dei dati.
Nessuno vi regala questo e chi lo fa imbroglia, intorbida le acque, crea confusione.

ah sì oggi è san Valentino, quindi amatevi – se riuscite fatelo anche domani – siate gentili, che la gentilezza vince sempre su tutto, bene educati, l’educazione in questo mondo di maleducati urlatori porta sempre pace e gioia in chi la esercita e uscite di casa, dai social, dai blig, dai siti a guardare le stelle e le persone, tornerete capendo che sono le stesse e le affronterete con rinnovato spirito. Oppure lo fate fare a noi.

1 Comment

  1. Sono ancora in ospedale, il tumore mi hanno detto che era molto grande comunque per i clienti di Micilab ci siamo sempre,

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *